30
Gen
08

FELICIDADES EATALY

Eataly ( itali, eatitaly, ititali) festeggia il primo compleanno in questi giorni. Io al inizio ero un po’ perplesso con Eataly. Tanta quantità di prodotti prelibati mi creava un senso di indecisione. Mi perdo con tantissima offerta di prodotti eccellenti e secondo me il servizio non è allo stesso livello di eccellenza, se non più vicino al supermercato self service. I pezzi di formaggio di presidio slow food ed elevato prezzo perdono con il cellofan nello scafale self service.

Io preferisco scoprire i piccoli produttori artigianali andando in giro, vedere i loro habitat, parlarne del loro mestiere e farmi spiegare tutto. E’ vero che poi è comodo avere i tuoi prodotti di nicchia sempre a disposizione. Mi piace anche moltissimo la loro comunicazione ed immagine corporativa, totalmente diverse dai canoni tradizionali (informale, trasparenza, niente sconti, prezzi arrotondati…).

Credo che è diventato più un punto di incontro dove andar a mangiare qualcosa al volo (allo stile spagnolo di “tapas y raciones” al banco), assistere a uno dei tanti eventi di primo livello sfornati e come ho letto in questi giorni provare a “cucare“.

Eataly propone tutti i prodotti italiani di eccellenza ed una selezione di prodotti stranieri. Tra questi non poteva mancare il prosciutto iberico. Sarei curioso di sapere quanti ne vendono a 85 €/kg.

Dopo New York, arriverà anche il primo Eatspain?

img_4876.jpg

3 Responses to “FELICIDADES EATALY”


  1. 1 fs
    gennaio 30, 2008 alle 11:54 am

    I formaggi del presidio , hanno prezzi nella media, anzi molti sono meno cari che in parecchi altri negozi. ciaooo

  2. 2 pigo
    febbraio 6, 2008 alle 11:59 pm

    vanno bene i formaggi …ed anche altri prodotti che sicuramente hanno prezzi onesti (ad esempio il riso carnaroli di Falasco l’ho sempre comprato praticamente allo stesso prezzo dal produttore)
    ma avete visto che prezzi ha la carne! e i prodotti freschi come frutta e verdura?…sarà che qui in Piemonte abbiamo tanti bravi ed onesti Macellai, io frutta e verdura acquisto prodotti stagionali nei mercati di provincia dove trovi ancora i contadini, come quello di Chieri.

    ciao
    pigo

  3. 3 fs
    febbraio 7, 2008 alle 10:23 am

    Sulla verdura forse hai ragione ma la carne della Granda è una spanna sopra tante altre, i macellai saranno pure onesti, ma cosa mangiano e come vengono allevati gli animali? Se guardi il disciplinare della Granda forse capirai, tant’è che molti allevatori non vogliono aderire a questa associazione proprio per la rigidità del disciplinare.
    Ciao


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Di cosa parliamo?

di tutto quello che ti piacerebbe sapere sul prosciutto iberico e che dovevo raccontarvi uno a uno prosciutto ibérico jamón Spagna serrano bellota patanegra notizie rassegna razze blog bellota serrano patanegra Italia dituttounpò dialtro razze territorio produzione stagionatura consumo taglio conservazione abinamenti

Per scrivermi

prosciuttoiberico@gmail.com

prosciut TAGS

gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: